Il modello AIDA

Per quanto possa essere considerato obsoleto (fine del 1800) il modello AIDA ancora oggi ci dà spunti per le nostre campagne pubblicitarie.

A: Attenzione

I: Interesse

D: Desiderio

A: Azione (CTA)


Schema del Funnel

Rappresentato a cono per trasmettere la suaefficacia: dal grandepubblico al target.



La pubblicità è facile!

Errore!

Il problema del modello AIDA è che non menzionava mai l’aspetto emotivo. Nel 1898 non esisteva il neuromarketing e la psicologia legata alla comunicazione. Infatti, il grosso problema, è che si basava su una linea retta che non prevedeva variazioni: Stimolo = Risposta



I problemi:

Il pubblico non è formato da robot. Noi ci innamoriamo dei brand e dei prodotti, diventiamo clienti con la pancia e non con la mente. La pubblicità non è razionalità! Non abbiamo tutti la stessa risposta quando ci viene dato lo stesso input.


Perché si usa?

Nei mille post dei social network devo saper fermare il mio possibile cliente.

Però così è troppo povera!

Potrebbe benissimo essere una di quelle scritte nei bagni degli Autogrill!


Può funzionare nei social ma...


Come sarebbe ai giorni d’oggi?

Non esiste più il pubblico del 1898, siamo molto più complessi! Ecco qual’è il modello AIDA dei tempi moderni, che prevede anche i post-vendita. Il modello BAIFDASV: (Bisogno, Attenzione, Interesse, Fiducia, Desiderio, Azione, Soddisfazione e Valutazione)



Limun Studio Design

Studio Associato di:

Comunicazione e Pubblicità

Vicenza, Thiene

Video, Foto, Grafica, Social Marketing,

Brand Identity, Social Media Strategy,

Comunicazione e Marketing aziendale

Umberto Badia

Francesco Bigon

P.IVA: 04133100240

P.IVA: 04109380248

Tel.: 349 6141278

Tel.: 349 8138968

@2020 Limun Studio Design

  • Black Instagram Icon
  • Black Icon LinkedIn
  • Black Icon Vimeo
  • Black Facebook Icon